LE STANZE DEL MARE a cura di Alida Maria Sessa

...Figuriamoci se un artista così fatto non si metteva a sognare il mare, a cogliere il valore simbolico del suo flusso vitale, della sua profondità e la carica metamorfica, mutevole, delle immagini d'acqua. Il mare è il tema a cui ha sempre riservato una predilezione manifesta, tanto da ritornarci sopra lungo tutto il corso della sua carriera. A volte il paesaggio marino è usato come pretesto per riflettere ed ironizzare sulla vita, altre come contrappunto delicato alle sue metafore. Ma il mare di Enrico Benaglia non è mare, è una cosa a parte, sua. Un mare evocato dalla terraferma, da una terrazza affacciata sul golfo, da una stanza mentale senza pareti.